Interrogazione a risposta scritta del consigliere Igor Kocijančič

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato l’intervento scritto dell’assessore Ciriani al Consiglio Regionale dei giorni scorsi.

“Par Condicio” vuole che si pubblichi anche l’interrogazione posta alla Giunta regionale da parte del consigliere Igor Kocijančič

——

INTERROGAZIONE AL COMPETENTE ASSESSORE DELLA REGIONE FVG INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

OGGETTO: Conseguenze negative dell’intervento della Protezione civile del FVG in Val Rosandra.-

Il sottoscritto consigliere regionale

Premesso che in aggiunta a numerose segnalazione di residenti e proprietari di fondi del villaggio di Boljunec – Bagnoli della Rosandra nel comune di Dolina in provincia di Trieste, anche i mezzi di comunicazione locali hanno posto in  particolare evidenza gli effetti nefasti di un recente intervento di pulizia dell’alveo del torrente Rosandra compiuto dalla protezione civile del FVG nell’ambito dell’operazione “Alvei puliti”, che ha interessato una vasta zona ricadente nell’ambito della Riserva naturale comunale e regionale della Val Rosandra;

Rilevato, da una prima sommaria lettura dei resoconti giornalistici, dai racconti dei diretti interessati e dalla visione del materiale video prodotto in proposito che l’intervento sembra essere stato condotto con imperizia ed in spregio alle norme di “Natura 2000” ed ai vincoli comunitari ricadenti in zone ZPS e SIC, determinando come prima conseguenza materiale uno scenario di devastazione causato dall’abbattimento sommario di alberi pluriennali e di varie specie di flora autoctona protetta e non infestante ai quali va aggiunta la distruzione di spazi protetti e preposti alla nidificazione ed alla riproduzione di varie specie animali (uccelli, anfibi, fauna ittica);

Ritenuto che quanto segnalato ed accaduto appare molto grave viste le modalità dell’intervento e le conseguenze materiali che esso ha comportato, senza tener conto di altri dettagli, quali il fatto che sembra non sia stata fornita alcuna informazione preventiva alla popolazione residente e che alcuni mezzi meccanici (pale meccaniche, caterpillar ed autotreni) siano transitati, danneggiandoli, anche attraverso alcuni fondi privati;

Rilevato, infine che appare ancora più paradossale e contraddittorio, alla luce delle esperienze vissute in questi ultimi anni, che alla Protezione civile possa essere concesso, in situazioni di ordinaria amministrazione e fuori dall’emergenza, di derogare a rigide disposizioni e vincoli ai quali sono sottoposti proprietari di fondi ed agricoltori.

Tutto ciò premesso

Il sottoscritto consigliere regionale interroga la Giunta regionale per sapere:

1. Se per l’intervento in questione e per interventi in riserve naturali ambiti ZPS, SIC vi sia un raccordo tra Protezione civile e Servizio Aree Naturali e Biodiversità, rientranti entrambi nella Direzione centrale Ambiente, Territorio e Protezione Civile.

2. Se alla luce di quanto accaduto non ritenga opportuno svolgere un’accurata indagine interna per accertare eventuali violazioni di legge e condotte  discrezionali da parte di chi ha effettuato l’intervento.

3. Come intenda agire la Regione FVG in termini di parziale ripristino o quantomeno di riduzione del danno causato alla collettività ed ai privati residenti della zona.

Trieste, 30 marzo 2012

Igor Kocijančič

2 Risposte a Interrogazione a risposta scritta del consigliere Igor Kocijančič

  1. Avatar of Giovanna
    Giovanna 28 aprile 2012 a 15:13 #

    Sono stata corretta, giustamente, da Roberta Clon sulla pagina fb No alla distruzione…. Ho scritto “assessore” piuttosto che “consigliere” e pubblicherò appena possibile il testo di un intervento della vera opposizione, visto che Igor Kocijančič è di sinstra (così mi è stato fatto osservare)., Bon, ma questo succede proprio perché a me della politica, così come viene intesa, non è che freghi poi molto.Quello che le persone fanno, non quello che le persone dicono è importante.

    • Avatar of Giorgio Ellero
      Giorgio Ellero 29 aprile 2012 a 23:11 #

      “Vera opposizione”? Opposizione a chi, a che cosa?
      Il consigliere regionale Igor Kocijančič fa parte di una formazione politica (di ‘sinistra’) che in Regione è all’opposizione della Giunta di governo (di ‘destra’) che comprende l’assessore Ciriani, massimo responsabile, in ambito locale, di ciò che è stato fatto in Valle. In questa veste, egli ha posto la questione dell’accaduto chiedendo alla Giunta di chiarire le responsabilità dei fatti e ha richiesto un intervento per limitare e curare il danno fatto.
      A Dolina, invece, il partito di riferimento di Igor Kocijančič fa parte della Giunta Premolin (di ‘sinistra’). Ciò non ha impedito però al consigliere regionale di esporsi chiedendo pubblicamente conto dell’accaduto, e questo è ciò che conta. Doppio merito quindi a Igor Kocijančič. E’ evidente infatti che la sua interrogazione, chiamando in causa Ciriani (di ‘destra’) per l’accaduto, chiama in causa la stessa Sindaco Premolin e la sua Giunta comunale di Dolina (di ‘sinistra’).
      Usando il metro sbagliato si sbaglia la misura: alle elementari si impara a non sommare pere e mele. Seguendo tale metodo, semplificando sull’appartenenza di bandiera qualsiasi agire politico, per mettere la Giunta Premolin (di ‘sinistra’) di fronte alle sue responsabilità dovremmo sollecitare e pubblicare un intervento di Alemanno o di Berlusconi, compagni di partito di Ciriani? O di Sarkozy? O della Merkel? (tutti ‘di destra’). E per farlo con Tondo e Ciriani dovremmo chiamare Chavéz o Fidel Castro?
      Sono in attesa di conoscere quale sarebbe questa fantomatica “vera opposizione”.
      Se lo ritenete utile pubblicate pure questa mia pure su Facebook, ‘luogo’ che non frequento.

      Jure

Lascia un Commento

*