La “sottile” differenza fra alveo, sponda e piana inondabile

E’ possibile che l’operazione Alvei Puliti 2012 in Val Rosandra abbia sconfinato gli alvei raggiungendo le sponde?

Se questo sospetto fosse vero quanto detto dall’assessore Ciriani in merito sarebbe smentito dai fatti.

Ricordiamo infatti le dichiarazioni che sono state pubblicate:

Il Piccolo, articolo del 31 Marzo 2012:

Val Rosandra a pezzi, la Regione plaude

L’assessore Ciriani: ambientalismo da salotto, difendo la Protezione civile. Il botanico Nimis: distrutto un habitat prioritario

L’assessore regionale all’Ambiente spiega che l’intervento di taglio degli alberi, «chiesto dal comune di San Dorligo», aveva una funzione anti-piena: «Non si è toccato il bosco ma solo l’alveo del fiume, lì dove nessuno metteva mano da 30-40 anni, periodo in cui più volte le esondazioni hanno raggiunto le case. La scelta era tra pulire quell’alveo o lasciare tutto come stava e continuare a mettere a rischio la popolazione»

http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/2012/03/31/news/val-rosandra-a-pezzi-la-regione-plaude-1.3754940

 

Il Piccolo, articolo del 3 Aprile 2012:

«Non mi sento un vandalo»

Un volontario della Protezione civile parla della bonifica

Racconta: «Ero in Val Rosandra, sia sabato che domenica. La direttiva che ci era stata impartita era di non toccare le piante sulle quali vi erano i nidi. Per gli altri alberi si poteva, anzi si doveva tagliarle. Mi hanno detto che le piante che si trovano all’interno dell’alveo fluviale non sono considerate bosco e dunque si possono eliminare».

http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/2012/04/03/news/non-mi-sento-un-vandalo-1.3770143

Pubblichiamo di seguito una email che ci ha scritto Denis Zobec:

Per l’ennesima volta sento parlare (o meglio scrivere) di “intervento effettuato solamente nell’alveo” come uno dei punti (pochi) a difesa dell’operato della PC. Al contrario potrebbe invece diventare un punto a favore dell’accusa. Lascio decidere a qualcuno molto più competente di me in materia, se e quanto possa essere esatta la mia interpretazione esposta di seguito.

Definizioni tratte da

“Linee guida per l’analisi geomorfologica degli alvei fluviali e delle loro tendenze evolutive”

             Isola. Porzione dell’alveo coperta da vegetazione sia erbaceo-arbustiva che arborea. … Si possono distinguere le “isole stabili” (prendendo il termine stabile in senso relativo), quando i sedimenti fini che le ricoprono presentano spessori significativi (varie decine di cm fino anche a 1,5-2 m) e la copertura di vegetazione è pressoché totale, …

 

            Sponda. Superficie con pendenza generalmente elevata che delimita lateralmente l’alveo; solitamente la sponda (“bank”) separa l’alveo dalla piana inondabile o da un terrazzo.

            AlveoL’insieme dei canali, delle barre e delle isole costituiscono l’alveo. I limiti dell’alveo possono essere ben definiti dalle sponde, ma possono talvolta risultare morfologicamente più sfumati, nel caso ad esempio di passaggio graduale tra alveo e piana inondabile. In questo ultimo caso la distinzione fra alveo e piana inondabile si basa su evidenze topografiche, sedimentologiche e vegetazionali.

Il limite dell’alveo si fa coincidere con il cosiddetto livello ad alveo pieno (o di piene rive, o bankfull in letteratura anglosassone), cioè quel livello idrometrico associato alla massima portata che può essere contenuta in alveo senza il verificarsi di fenomeni di esondazione al di fuori delle sponde.

            Piana inondabile. Superficie pianeggiante adiacente all’alveo (figura 7) e formata dal corso d’acqua nelle presenti condizioni di regime (condizioni idrologico – climatiche e morfologiche) (indicata come active modern flood-plain in letteratura anglosassone), a differenza del terrazzo che corrisponde ad una piana inondabile ‘inattiva’. La piana inondabile generalmente è soggetta ad inondazioni con frequenza dell’ordine di 1-3 anni. Si distingue dall’alveo sulla base di elementi morfologici, sedimentologici, vegetazionali: generalmente la piana inondabile ha quote più elevate rispetto a quelle dell’alveo (paragonabili o leggermente superiori a quelle delle isole), sedimenti a granulometria più fine, una copertura vegetale stabile anche se la vegetazione può essere relativamente giovane. …” (Pagine 23 e 24)

 

Premesso tutto ciò ed osservando le molteplici fotografie scattate la mia modesta opinione è questa:

Per quanto riguarda il lato destro del torrente credo ci siano pochissimi dubbi che la PC abbia operato anche al di fuori dell’alveo: vedi quote altimetriche più elevate, elementi sedimentologici diversi e, cosa più importante, vegetazione stabile.

Il lato sinistro invece può non essere così chiaramente definito. Potrebbe venir definito isola o barra.

Ma: “… Una barra può essere considerata tale anche se coperta parzialmente da vegetazione: la vegetazione è però discontinua e di tipo erbaceo-arbustivo (crescita stagionale o di pochi anni).” (pag. 19)

Ed anche questo credo possa valere solamente nel tratto più vicino alla passerella in legno.

Denis Zobec

 

Vi segnaliamo il documento con le linee guida per l’analisi geomorfologica degli alvei fluviali e delle loro tendenze evolutive, dell’università di Padova

http://www.geogr.unipd.it/Surian_LineeGuida.pdf

Fonte: http://www.geogr.unipd.it/

Per saperne di più, consultate anche

http://www.isprambiente.gov.it/site/_contentfiles/00004100/4118_manuale_morfologia.pdf

 

 

3 Risposte a La “sottile” differenza fra alveo, sponda e piana inondabile

  1. Avatar of Alessandro Brollo
    Alessandro Brollo 11 aprile 2012 a 10:07 #

    Ottime puntualizzazioni; vanno ancora approfondite. Ho ancora problemi con il software di questo sito, ma da qualche parte dovrei aver spedito il suggerimento di creare un vero e proprio “glossario” di termini relativi alla geomorfologia e alla fitosociologia dei fiumi perchè ho l’impressioni che qualcuno negli equivoci nei termini ci abbia sguazzato.

  2. ila 24 aprile 2012 a 14:17 #

    pensate di lasciare questi link???
    grazie.

    • Avatar of Giovanna
      Giovanna 26 aprile 2012 a 08:49 #

      SPERO DI AVERLI CANCELLATI TUTTI (GLI SPAM). Grazie :)

Lascia un Commento

*